Wednesday, 5 December 2012

CINERASMUS: Brian di Nazareth

             Brian di Nazareth (1979) dei Monty Python




Già sia stato ideato dal gruppo comico inglese dei Monty Python basterebbe come premessa, se poi
aggiungiamo la censura di mezzo mondo (in Italia arrivò solo nel ’91) allora abbiamo un piatto prelibato
da gustare. Un capolavoro di umorismo e satira, a volte irriverente altre surreale, ma una continua serie
di gag divertenti dai contenuti più vari. "La cosa più significativa del nostro lavoro è che sia riuscito a far
arrabbiare gente di tutte le religioni, proprio tutte, cattolici, ebrei, protestanti, ortodossi, buddisti. È stato
magnifico" (M. Palin). La storia di Brian, nato il 25 dicembre dell’anno 0, in una capanna di Betlemme (tanto
che i Re Magi in principio sbaglieranno entrata) è il filo conduttore che ci porterà nell’epoca romana in un
periodo storico dove le analogie fra il protagonista e il “gemello” più noto si sprecano. Un caposaldo della
comicità british, tra satira e black humor, una pellicola che non lascia indifferenti, con una celata critica al
fanatismo ecclesiastico e alla morale filistea che a distanza di 2000 anni ancora echeggiano nella società.

Voto: 8



ANDREA DOMENIGHINI
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ritorna alla pagina principale di CINERASMUS

0 commenti:

Newsletter

ShareThis

----