Tuesday, 17 April 2012

Invitati speciali al FRU...


Nel 2012 RadUni compie 6 anni dalla sua fondazione. Quando l’associazione culturale è nata, nel 2006, esistevano solo tre radio universitarie in Italia. Oggi rappresenta più di 100 soci e 22 emittenti.
Fondata per rispondere a un’esigenza di legame e condivisione di pratiche tra i promotori delle prime esperienze di web radio universitarie italiane, l’associazione ha guidato lo sviluppo di queste realtà pionieristiche e sostenuto la nascita di nuove antenne. Obiettivo e attività primaria infatti è sempre stata il tutorato e l’assistenza tecnico-legale fornita ai soci (studenti, docenti o operatori) che vogliono costruire una propria emittente (art. 3 dello Statuto).
Il dialogo con i principali operatori della comunicazione, tra cui SIAESCFAGCOM AICUN, è diventata un’attività fondamentale da quando l’associazione è assurta a osservatore privilegiato dell’andamento del fenomeno della radiofonia studentesca nazionale associando tutti coloro che vi lavorano quotidianamente.
Condividendo, con le radio universitarie che rappresenta, un approccio appassionato alla materia,RadUni ha creato poi occasioni di formazione e scambio di idee ed esperienze tra chi vi collabora sostenendo sempre un modello di radio sperimentale, culturale, innovativa e radicata nel territorio di provenienza. Infine RadUni sempre crederà, come ha fatto dal primo giorno, nei valori culturali e democratici trasmessi dalle Università italiane sicura che questi stessi principi possano ancora meglio realizzarsi e diffondersi attraverso la nascita di radio fatte da universitari per un pubblico più ampio.






FRU2012_NEWSi svolgerà dal 3 al 5 maggio a Pisa la sesta edizione del Festival nazionale delle Radio Universitarie: tre giorni di convegni, workshop, dirette radiofoniche e concerti.
Quest'anno il FRU è ospitato da Radioeco.it la webradio degli studenti dell'Università di Pisa e si pone l'obiettivo di parlare di sostenibilità: non solo rispetto per l'ambiente, ma anche sostenibilità culturale, sociale e musicale. Un messaggio positivo che la rete dei media d'ateneo vuole dare in un mondo sempre più permeato da consumismo e distrazione, acclamando la condivisione e la passione per un'attività comune, con un'attenzione particolare alle buone pratiche.
Per l'edizione 2012 sbarcheranno nella città della torre pendente più di 300 operatori radiofonici universitari provenienti da tutta la penisola: Padova, Catania, Perugia, Salerno, Cosenza, Verona, Napoli, Pavia, Cagliari, Trento, Roma, Piemonte Orientale, Modena e Reggio Emilia, Macerata, Prato, Cesena, Savona, Trieste, Parma, Palermo e Siena. Le prime cinque città hanno ospitato le precedenti edizioni dell’evento, caratterizzando il Festival come un momento di confronto, riflessione, intrattenimento e dimostrazione della forza e dell'importanza dell'università come luogo per la sperimentazione di nuove forme di comunicazione e informazione.
Oltre ai convegni dedicati alla sostenibilità, ampio spazio verrà dedicato ai workshop pratici dedicati alla conduzione, con i docenti e il direttore di A.R.T. (Accademia di Radio e Televisione di Roma) Max Poli, al sound design con Provenzano Dj e con altri ospiti di fama nazionale pronti a raccontare la loro esperienza ai giovani radiofonici, approfondendo le tematiche inerenti alla gestione delle stazioni radiofoniche.
Ma il FRU è anche musica: ampio spazio agli artisti emergenti che saranno protagonisti dei concerti, a ingresso gratuito, a fianco di artisti di rilievo nazionale, ed un mega evento per la finale.
Il "Fru contest", concorso per band e artisti (che fino al 4 aprile possono caricare i loro brani su ustation.it), decreterà i 5 finalisti che suoneranno la prima sera introducendo i Pan del diavolo. Nella giuria di qualità del Contest spicca il nome di Mariolina Simone, speaker di m2o nota come colei che portò la radio in televisione con l’esperimento "Coloradio" su VideoMusic nel 1998. La seconda serata sarà aperta dal vincitore del contest seguito dalle note di Boxeur the Coeur, Iori's eyes e i Giardini di Miró. L'evento di chiusura prevede un'edizione speciale del "Radioeco Spring Party", appuntamento annuale ormai conosciuto dagli studenti pisani e non, che per la sua quarta edizione si avvarrà della partecipazione di Renèe La Bulgara e Chiara Robiony, dj di m2o, network nazionale del gruppo editoriale l'Espresso.
Il Festival delle Radio Universitarie 2012 è patrocinato dalla Rappresentanza italiana della Commissione Europea, Università di Pisa, DSU Toscana, Provincia e Comune di Pisa, e vede da anni Telecom Italia come main sponsor ed è supportato da molti media accanto a Ustation.it e m2o tra cui Broadcast&Production e AltraTV.
Quest'anno ci saremo anche noi (RadioErasmus) e se volete altre inforamzioni o il programma dettagliato visitate www.fru2012.it.


¡[€]Stay Tuned!
Lo Staff di RadioErasmus



0 commenti:

Newsletter

ShareThis

----